Procedure in caso di incendio

Procedure in caso di incendio

Procedura in caso di incendio

 

Tutto il personale

  1. Provvede ad effettuare per voce la seguente chiamata: “SQUADRA ANTINCENDIO IN (luogo dell’evento)” ripete la chiamata due volte.
  2. PREME IL PULSANTE DI ALLARME se nessuno interviene.
  3. ALLONTANA i mezzi meccanici (muletti), materiali infiammabili,estintori.
  4. CHIUDE eventuali rubinetti del gas.
  5. METTE FUORI TENSIONE macchinari e/o apparecchiature elettriche e porre in sicurezza i macchinari.
  6. CHIUDE PORTE E FINESTRE E FERMA gli impianti di ventilazione oestrazione presenti in locale.
    AIUTA chi avesse dei problemi dimovimento o non avesse sentito l’allarme.
  7. INDIVIDUA l’uscita più vicina.
  8. SI DIRIGE verso l’uscita del locale senza attardarsi.
    Non ci si ferma a finire il lavoro né si cercano chiavi o oggetti che vogliamo portare via.
  9. NON INTRALCIA LE VIE DI ESODO E LE USCITE DI SICUREZZA ma continuare a seguire il percorso di uscita senza abbandonare materiale infiammabile o oggetti ingombranti.
  10. NON TORNA INDIETRO

La squadra antincendio

La squadra antincendio si reca sul posto portando con sé un estintoreed applica le seguenti procedure di 1° Intervento:

  1. DA O FA DARE L’ALLARME. Non si deve affrontare l’incendio dasoli ed inoltre gli altri possono aiutarci portando altri estintori.
  2. FA ALLONTANARE IL PERSONALE NON ADDESTRATO. Chi non èaddestrato può mettere in pericolo se stesso e chi interviene.
  3. VALUTA IL TIPO E LA GRAVITA’ DELL’INCENDIO.
  4. UTILIZZA I MEZZI ANTINCENDIO (se possibile).
  5. SI ALLONTANA DAL LOCALE METTENDOLO IN SICUREZZA(ventilazione, alimentazione….)

Il coordinatore

  1. Se è stato attivato l’allarme controlla che non sia una falsasegnalazione.
  2. Nel caso di vero rischio incendio DICHIARA LO STATO DIEMERGENZA.
  3. Decide se l’intervento può continuare senza mettere arepentaglio il personale delle squadre di emergenza.
  4. Fa CHIAMRE I VIGILI DEL FUOCO dando tutte le notizienecessarie.
  5. Comunica ai preposti delle squadre di emergenza L’ORDINE DIEVACUAZIONE parziale o totale dello stabilimento.
  6. In caso di chiamata ai Vigili del Fuoco FA APRIRE IL CANCELLO

Il responsabile impiantistico

  1. Si procura copia del presente documento.
  2. Si reca sul luogo dove è stata chiamata la squadra Antincendio.
  3. Si mette a disposizione del coordinatore dell’emergenza

Procedure di evacuazione

Tutto il personale

  1. METTE FUORI TENSIONE macchinari e/o apparecchiatureelettriche e porre in sicurezza i macchinari.
  2. CHIUDE PORTE E FINESTRE E FERMA gli impianti diventilazione o estrazione presenti in locale.
    Si fa per garantire la compartimentazione dei locali.
  3. INDIVIDUA l’uscita più vicina.
  4. SI DIRIGE verso l’uscita senza attardarsi. È l’azione più responsabile che si possa fare.
    Non ci si ferma a finire il lavoro né si cercano chiavi o oggetti che vogliamo portare via.
  5. AIUTA chi avesse dei problemi di movimento o non avessesentito l’allarme.
  6. NON INTRALCIA LE VIE DI ESODO E LE USCITE DI SICUREZZA ma continuare a seguire il percorso di uscita senza abbandonare lungo di questo materiale infiammabile o oggetti ingombranti.
  7. SEGUE le indicazioni dei responsabili.
  8. NON TORNA INDIETRO.
  9. NON ABBANDONA IL LUOGO DI RACCOLTA fino all’ordine

I responsabili dell’evacuazione di zona verificano che:

  1. Tutto il personale presente nella zona di competenza (indipendentemente se interno o esterno all’organizzazione aziendale e se dipendente gerarchicamente) metta in atto le procedure individuali richieste.
  2. Vengano utilizzate solo le uscite previste. Si recano al (luogosicuro).
  3. Collaborano con il coordinatore per stilare la lista dei presenti, dispersi e feriti.

Il coordinatore

  1. Dà l’ordine di evacuazione AZIONANDO L’ALLARME se non fosse ancora attivo.
  2. Si reca in “Luogo sicuro” per verificare le presenze.
  3. Valuta la necessità di trattenere parte del personale lasciando libero il restante.
  4. Definisce sulla base delle proprie conoscenze e delle risultanze dell’appello la situazione dei feriti.

La squadra di emergenza

  1. Apre il cancello e lo blocca in apertura.
  2. Provvede a preparare la lista dei presenti al punto di raccolta eda individuare la probabile posizione dei dispersi.
  3. Prepara una lista degli eventuali infortunati.
  4. Attende l’arrivo del coordinatore per ultimare la lista.
  5. Lascia libero il personale su ordine del coordinatore.
  6. Agevola l’intervento del soccorso medico esterno inviando ilpersonale al cancello e fornendo tutte le indicazioni sullaposizione dei feriti.
  7. Evita di fornire una scala di gravità degli infortuni lasciando adiscrezione del medico le priorità di intervento.
  8. Resta in attesa di eventuali ordini del coordinatore.